Lug 222016
 

labDal 20 giugno 2016 è online il portale dei laboratori di ricerca Sardegna Laboratori, che presenta il patrimonio di strumenti e servizi delle Università di Cagliari e Sassari, di Sardegna Ricerche e dei Centri di competenza tecnologica attivi nella Regione Sardegna.

Con la mappatura di 470 laboratori1728 servizi e 2056 strumenti, il portale consente agli utenti interni ed esterni (inclusi gli altri enti pubblici e le imprese) di conoscere le attività offerte da ogni struttura: prestazioni a pagamento, ricerca commissionata, partecipazione a progetti nazionali e internazionali di ricerca in partenariato, didattica universitaria, formazione.

Per i laboratori che hanno aderito alla sperimentazione della richiesta on line dei servizi (evidenziati in home page), si potrà richiedere direttamente dal portale anche il servizio esposto con tariffario.

I laboratori di ricerca sono stati mappati grazie a una ricognizione da parte dello staff tecnico di progetto e alla successiva verifica da parte dei responsabili dei Dipartimenti e dei laboratori stessi.

Il progetto Sardegna Laboratori è stato coordinato dall’Università di Cagliari nell’ambito dell’intervento Innova.re e finanziato con fondi POR FESR 2007-2013 e legge regionale n.7/2007.

Lug 122016
 

c labParte la quarta edizione del CLab UniCa, il progetto interdisciplinare dell’Università di Cagliari che offre attività extra-curriculari volte alla promozione e allo sviluppo di capacità legate alla gestione del processo imprenditoriale e all’innovazione.

Saranno 110 i ragazzi e le ragazze che frequenteranno il percorso: il 68% studenti, il 29% laureati e il 4% dottorandi. Anche quest’anno si tiene a luglio una prima sessione di incontri volti a presentare il progetto e le sue potenzialità ai futuri CLabbers: appuntamento l’11, il 12 e il 13 luglio presso l’Aula Magna Boscolo nella Cittadella Universitaria di Monserrato.

La prima giornata sarà dedicata alla presentazione del piano formativo. Durante la seconda giornata verranno presentate alcune esperienze che potranno servire da stimolo per lo sviluppo di idee imprenditoriali. La terza giornata sarà dedicata alla presentazione delle attività di ricerca condotte dall’Università di Cagliari, sempre in ottica di ispirazione e contaminazione.

In questi anni il CLab UniCa ha dato vita a circa 20 startup attive sul territorio nazionale appartenenti ai settori ITC, turismo, nautica, gamification, food. Sono stati riconosciuti alle start-up premi sia in denaro e riconoscimenti di livello nazionale (StartCup, Premio Nazionale Innovazione, GSVC, Facebook program) e sono stati raccolti dalle startup più di mezzo milione di euro da parte di investitori privati. Ultimo traguardo raggiunto dal CLab UniCa è stato quello di essere stato selezionato dal Ministero dello Sviluppo Economico a rappresentare l’Italia in Europa per il Premio Europeo sulla Promozione d’Impresa (EEPA).

Il programma della sessione di luglio

Informazioni:
clabunica.it

Mar 212016
 

sardinia-238010_960_720

In occasione della Giornata Internazionale dell’Acqua, si tiene a Cagliari martedì 22 marzo dalle ore 10.00, presso la Sala Conferenze del Molo Ichnusa, “Innovazioni sostenibili per la salute del mare – per una architettura di pace senza petrolio senza inquinanti”, la presentazione in anteprima mondiale di Geolana Salvamare, l’assorbitore «mangia‐petrolio», sviluppato da Edilana grazie alle attività di studio e ricerca svolte in collaborazione con l’Università di Cagliari.

I «mangiaveleni» Geolana Salvamare sono i primi al mondo capaci assorbire e metabolizzare‐biodegradare gli idrocarburi petrolchimici e altri inquinanti in modo naturale.

Programma
Presentazione e coordinamento dei lavori: Vania Statzu, Mediterranean Sea and Coast Foundation
Saluti e apertura: Alessandra Carucci, Università di Cagliari, Prorettore Delegato per l’Internazionalizzazione
Annalisa Bonfiglio, Università di Cagliari, Prorettore Delegato per il Territorio e l’Innovazione
Giuseppe Pulina, Commissario straordinario Ente Foreste della Regione Sardegna
Siegfried Camana, Architetto fondatore e presidente di ANAB Associazione Nazionale Architettura Bioecologica
Valentina Meloni, Architetto tecnico nella gestione sostenibile dei sistemi idrici e fognari. Vicepresidente Nazionale ANIEM

Intervengono
Dino Piacentini, impresa leader mondiale nell’architettura marittima di cantieri navali e porti. Presidente Nazionale ANIEM
Alessio Satta, Presidente Mediterranean Sea and Coast Foundation
Elena Tamburini, Università di Cagliari, Dipartimento Scienze Biomediche: Presentazione del Progetto BIOLANCLEAN “Prodotti innovativi realizzati con 100% pura lana vergine di pecora sarda autoctona come mezzo per l’assorbimento e la biodegradazione di idrocarburi petroliferi”
Carla Mancosu, Università di Cagliari, Dipartimento Scienze Biomediche: Prodotti per l’assorbimento di idrocarburi petroliferi e regolamentazione del loro utilizzo in ambienti marini
Giampiero Tronci, responsabile Ingegneria Ambientale Team Edizero Architecture of peace
I dati tecnici e ambientali, unici al mondo, degli assorbitori mangiapetrolio GEOLANASalvaMare e di GEOLANA Ortolana SalvaSuolo, per disinquinamento, bonifiche, ripristini, antierosione costiera e dunale, rigenerazione e protezione del terreno da shock termici
Oscar Ruggeri e Daniela Ducato Team Edizero Architecture of peace
Da EDILANA a EDILATTE da EDIMARE (in nomination per il Compasso d’Oro 2016) a GEOLANA:
biomateriali petrol free ad alta tecnologia per innovare guardando la terra con gli occhi del mare
Marcello Floris Responsabile Acustica Team Edizero Architecture of peace
GEOLANA per salvaguardare la biodiversità e il benessere acustico degli ecosistemi e l’identità sonora del paesaggio

Scarica il programma

Geolana Salvamare è stato sviluppato nell’ambito del progetto di sviluppo congiunto Università e Impresa: BIOLANCLEAN “Prodotti innovativi realizzati con 100% pura lana vergine di pecora sarda autoctona come mezzo per l’assorbimento e la biodegradazione di idrocarburi petroliferi”, finanziato dal Programma INNOVA.RE – POR FESR 2007‐2013.

Feb 162016
 

c labSi terrà venerdì 19 febbraio 2016 la finale della terza edizione del Contamination Lab Cagliari. Durante la finale, i team presenteranno i pitch dei loro progetti a una giuria di investitori, giornalisti, operatori del mondo della finanza e di imprese multinazionali. Verranno assegnati premi in denaro e servizi per oltre 80mila euro, offerti da enti e aziende partner e sponsor del progetto. Tra queste, Regione Sardegna, Sardegna Ricerche, Crs4, Fab Lab, Confindustria Giovani, Conservatorio della musica di Cagliari, Startup Cagliari, Banca di credito cooperativa, Banca di Cagliari, Open Campus, Hub/Spoke, Cagliari calcio, Grafiche Ghiani, Publikendi e Agra.

Sono stati già annunciati i nomi dei finalisti: si tratta di YeneticsBautifulBoxJaraHexachargeNeed for NerdBXTARPhytoness ed EDUchair.

La campagna di comunicazione del CLab Cagliari ha per testimonial Fabio Aru e si sviluppa con quattro video che descrivono altrettante “tappe” del percorso di formazione interdisciplinare del CLab: la partenza, la scalata, la fuga e la vittoria. I video sono consultabili sul sito unaveraimpresa.it. Il video conclusivo sarà incentrato sulla finale: appuntamento dunque a venerdì 19 febbraio dalle 15 al Conservatorio di musica “Pierluigi da Palestrina” in piazza Ennio Porrino, 1 a Cagliari. E’ importante registrarsi per l’evento, a ingresso gratuito, tramite il form online disponibile qui.

La terza edizione del CLab Cagliari è stata finanziata nell’ambito dell’intervento Innova.Re, POR FESR 2007-2013.

 

Dic 072015
 

intendimeIntendiMe, la startup nata dal Contamination Lab Cagliariclassificata al primo posto della Start Cup Sardegna 2015, si è aggiudicata il primo posto nella sezione ICT del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), la competizione nazionale fra i migliori progetti d’impresa innovativa vincitori delle 18 competizioni regionali (StartCup) che coinvolgono oltre 50 tra università, incubatori e istituzioni, quali il CNR, l’Enea e l’Istituto Italiano di Tecnologia.

Il PNI 2015 ha visto la partecipazione di 3.253 neoimprenditori, per 1.278 idee e 608 business plan presentati. I vincitori sono stati selezionati tra le 63 startup finaliste da una giuria composta da oltre 30 esponenti del mondo dell’impresa, della ricerca universitaria e del venture capital, sulla base di criteri come originalità dell’idea imprenditoriale, la realizzabilità tecnica, l’interesse per gli investitori, l’adeguatezza delle competenze del team, l’attrattività per il mercato. La finale del PNI 2015 si è svolta a Rende (Calabria) il 3 e 4 dicembre 2015.

IntendiMe offre un sistema pratico e innovativo, in grado di rilevare tutti i suoni della casa e avvisare l’utente direttamente sul proprio smartphone, tablet o dispositivo da polso. Il team di IntendiMe è composto da Alessandra Farris, Antonio Pinese, Giorgia Ambu.

IntendiMe ha ricevuto in premio un assegno di 25mila euro. Ecco gli altri vincitori di PNI 2015.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar