Ago 032016
 

download

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca intende promuovere iniziative di formazione con una forte caratterizzazione industriale, per le aree disciplinari a vocazione scientifico-tecnologica e per quelle di maggiore richiamo rispetto al mercato del lavoro.

A tal fine, verranno finanziate borse triennali di dottorato di ricerca per la frequenza, dall’Anno Accademico 2016-17, di percorsi di dottorato che prevedono un periodo di studio e ricerca presso imprese e un periodo all’estero per qualificare in senso industriale le proprie esperienze, con previsione di ricadute sul tessuto produttivo dei territori interessati e benefici occupazionali, dopo il conseguimento del dottorato.

L’iniziativa riguarda le regioni in ritardo di sviluppo (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e le regioni in transizione (Abruzzo, Molise, Sardegna).

Per ciascun corso di dottorato potranno essere richieste fino a 3 borse di ricerca aggiuntive rispetto a quelle già finanziate. L’elenco dei dottorati attivati presso l’Università di Cagliari per il prossimo ciclo è disponibile a questo link.

Le borse di dottorato dovranno:

  • avere una durata di 3 anni;
  • prevedere periodi di studio e ricerca presso imprese sul territorio nazionale da un minimo di 6 a un massimo di 18 mesi;
  • prevedere periodi di studio e ricerca all’estero presso imprese, enti di ricerca pubblici o privati o università da un minimo di 6 a un massimo di 18 mesi;
  • coinvolgere le imprese nella definizione del percorso formativo, anche nell’ambito di collaborazioni più ampie con l’Università;
  • riguardare aree disciplinari e tematiche coerenti con le traiettorie di sviluppo individuate dalla Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente 2014/2020.  In attesa di ricevere dal Miur ulteriori dettagli circa le aree disciplinari e tematiche menzionate, si rammenta che le traiettorie di sviluppo dettagliate nella SNSI sono le seguenti:

Per l’area: Aerospazio e Difesa
• Riduzione dell’impatto ambientale (green engine)
• Avionica avanzata nel campo dei network di moduli hw e dell’interfaccia uomo-macchina
• Sistema air traffic management avanzato
• UAV (Unmanned aerial veicle) a uso civile e ULM (ultra-Léger Motorisé)
• Robotica spaziale, per operazioni di servizio in orbita e per missioni di esplorazione
• Sistemi per l’osservazione della terra, nel campo delle missioni, degli strumenti e della
elaborazione dei dati
• Lanciatori, propulsione elettrica, per un più efficiente accesso allo spazio e veicoli di rientro
• Sistemi e tecnologie per la cantieristica militare

Per l’area: Salute, alimentazione, qualità della vita
• Active & healthy ageing: tecnologie per l’invecchiamento attivo e l’assistenza domiciliare
• E-health, diagnostica avanzata, medical devices e mini invasività
• Medicina rigenerativa, predittiva e personalizzata
• Biotecnologie, bioinformatica e sviluppo farmaceutico
• Sviluppo dell’agricoltura di precisione e l’agricoltura del futuro
• Sistemi e tecnologie per il packaging, la conservazione e la tracciabilità e sicurezza delle
produzioni alimentari
• Nutraceutica, Nutrigenomica e Alimenti Funzionali

Per l’area: Industria intelligente e sostenibile, energia e ambiente
• Processi produttivi innovativi ad alta efficienza e per la sostenibilità industriale
• Sistemi produttivi evolutivi e adattativi per la produzione personalizzata
• Materiali innovativi ed ecocompatibili
• Tecnologie per biomateriali e prodotti biobased e Bioraffinerie
• Sistemi e tecnologie per le bonifiche di siti contaminati e il decommissioning degli impianti
nucleari
• Sistemi e tecnologie per il water e il waste treatment
• Tecnologie per le smart grid, le fonti rinnovabili e la generazione distribuita

Per l’area: Turismo, patrimonio culturale e industria della creatività
• Sistemi e applicazioni per il turismo, la fruizione della cultura e l’attrattività del Made in Italy
• Tecnologie e applicazioni per la conservazione, gestione e valorizzazione dei beni culturali,
artistici e paesaggistici
• Tecnologie per il design evoluto e l’artigianato digitale
• Tecnologie per le produzioni audio-video, gaming ed editoria digitale

Per l’area: Agenda Digitale, Smart Communities, sistemi di mobilità intelligente
• Sistemi di mobilità urbana intelligente per la logistica e le persone
• Sistemi per la sicurezza dell’ambiente urbano, il monitoraggio ambientale e la prevenzione
di eventi critici o di rischio
• Sistemi elettronici “embedded”, reti di sensori intelligenti, internet of things
• Tecnologie per smart building, efficientamento energetico, sostenibilità ambientale
• Tecnologie per la diffusione della connessione a Banda Ultra Larga e della web economy

 

Cosa fare

  • I docenti e ricercatori di UniCa interessati ad avviare percorsi di dottorato “industriale” (nell’ambito di scuole già esistenti) dovranno inviare una mail a imprese@unica.it.
  • Le imprese, sia locali che nazionali, interessate ad avviare un dottorato “industriale” con Unica dovranno inviare una mail a imprese@unica.it e verranno ricontattate per definire insieme le caratteristiche della collaborazione.

Le domande dovranno essere compilate e inviate tramite un modulo online entro le ore 12.00 del 14 ottobre 2016, ma, in considerazione del consistente lavoro di preparazione necessario, è preferibile che tutti i soggetti interessati (docenti, ricercatori e imprese) stabiliscano un primo contatto con l’ateneo (tramite la mail imprese@unica.itentro la metà di settembre.

Dal 29 agosto 2016 sarà disponibile il formulario per la compilazione della domanda a cura dei coordinatori dei corsi di dottorato.

L’iniziativa è finanziata con fondi PON RI 2014-2020 – Asse prioritario I “Investimenti in Capitale Umano”.

Consulta il decreto 1540/2016

Informazioni:
Direzione per la ricerca e il territorio Università di Cagliari
Email imprese@unica.it

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar