Feb 122015
 

c labSi è chiusa venerdì 13 febbraio 2015 con una gran cornice di pubblico, nella sede dell’aula magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura, la finale della seconda edizione del Contamination Lab Cagliari.

 

L’evento
Ai lavori, presieduti dal prorettore Paolo Fadda e moderati dal giornalista del Sole 24 Ore Luca De Biase, hanno partecipato anche l’assessore regionale alla programmazione Raffaele Paci e il diplomatico Nicholas Giacobbe, in rappresentanza dell’Ambasciata americana a Roma. La giuria che ha valutato i pitch era composta dallo stesso Luca De Biase, da Enrico Mattiazzi di United Ventures, da Anna Amati di Meta Group, da Amedeo Giurazza di Vertis SGR e da Giuseppe Ravasi di IBM Venture Capital Group.

Consulta il racconto per immagini della finale del 13 febbraio 2015, pubblicato sul sito di Unica.

 

I premi
Il team primo classificato, IntendiMe, si è aggiudicato un viaggio negli Stati Uniti sponsorizzato dall’Ambasciata americana per presentare l’idea progettuale davanti a venture capital statunitensi, tre mesi di ospitalità presso l’incubatore The Net Value e la qualifica per la finale nazionale di InnovAction Lab. Al secondo posto Newmes: anche per loro tre mesi di ospitalità a The Net Value. Terzo classificato il team di Naustrip, che vince tre mesi di ospitalità in Open Campus. Premiato dal CRS4 il team di Babaiola, che potrà usufruire di 40 ore di assistenza tecnica dedicata da parte del centro di ricerca.

 

I team finalisti

logo_IntendiMeIntendiMe è un sistema che permetterà a chiunque abbia problemi di udito di essere avvisato di tutti i rumori che fanno parte della quotidianità all’interno di una casa: attaccando una placchetta vicino alla fonte sonora prescelta, si riceverà un avviso sul proprio smartphone, tablet o dispositivo da polso, tramite un’applicazione, non appena questa rileverà un suono. Il sistema è associato a un’unità centrale che gestisce la comunicazione tra i dispositivi, consentendo l’uso del sistema anche fuori casa.
Team: Alessandra Farris, Giorgia Ambu, Antonio Pinese e Andrea Mura.
Su Facebook  e su twitter

 

newmesNewmes ha sviluppato il primo gioco da tavolo ispirato al pensiero laterale. La prima versione del prodotto è un gioco basato su sfide botta e risposta con l’utilizzo di strumenti di ragionamento tratti dalla teoria di Edward de Bono, psicologo di fama internazionale.
Team: Marco Deiana, Francesca Zorcolo, Debora Fanti e Matteo Cogoni.
Su Facebook  e su twitter

06_Naustrip_logo and tag lineNaustrip è una piattaforma web ispirata ai principi della sharing economy che consente il noleggio occasionale e giornaliero di imbarcazioni private. Naustrip risolve il problema degli alti costi che i proprietari di barche devono sostenere, permettendo loro di guadagnare grazie alle escursioni in barca che proporranno sul sito e che i turisti e amanti del mare potranno prenotare.
Team: Alberto Fara, Luca Solaro, Maria Antonietta Melis, Ousmane Dieng.
Su Facebook  e su twitter

 

Babaiola_logo_prin_2cols_RGBBabaiola aiuterà a trovare il viaggio che tiene conto dei nostri sentimenti ed emozioni. Digitando l’esperienza e l’attività che si desidera vivere in vacanza, Babaiola, tramite il suo algoritmo, suggerisce le destinazioni che meglio riflettono i sentimenti dell’utente. Il sito trova inoltre tutti i voli e gli hotel per raggiungere e soggiornare nelle località desiderate, analizzando le recensioni di oltre un centinaio di siti web e assegnando al viaggio un voto di compatibilità tra destinazione, esperienza ed attività scelta.
Team: Nicola Usala, Salvatore Chillotti, Valentina Contu, Federica Saba.
Su Facebook  e su twitter

 

bloomsaiBloomsai è una piattaforma dedicata a tutti coloro che vogliono riscoprire il piacere di coltivare il proprio orto, prendersi cura del proprio giardino, creare un angolo verde in balcone o terrazzo. Bloomsai offre corsi online, workshop e assistenza personalizzata per chi ha bisogno di una mano nel proprio orto, giardino o terrazzo.

Team: Marco Deiosso, Valentina Podda, Barbara Pisano, Marcello Farigu.
Su Facebook  e su twitter

 

S21_Glowee_LogoTaglineGlowee è un’idea nata per far fronte al problema della visibilità in strada del cicloamatore. Si tratta di una tecnologia indossabile costituita da una comoda cintura realizzata con materiale elastico. Le frecce poste ai lati consentono di segnalare il normale cambio di direzione adoperando due tasti da inserire nel manubrio. L’app associata permette di gestire una serie di attività, come trovare la ciclofficina più vicina, comunicare con altri utenti glowee o ricevere news dalle associazioni di ciclisti nella piattaforma.
Team: Sara Loi, Eleonora Piseddu, Matteo Carrus
Su Facebook  e su twitter

 

myfermo_logoMyfermo è un pantaloncino sportivo pensato per le persone che, quando corrono, scelgono di ascoltare musica dal proprio smartphone, ma che ancora non hanno trovato una soluzione comoda e soddisfacente per interagire con esso, senza che il proprio allenamento venga interrotto o ostacolato.
Team: Mattia Cubaiu, Chiara Porru e Nicola Angius
Su Facebook  e su twitter

 

TwinklEvPressTwinklEv è un portale web che risponde all’esigenza di creare una festa in poco tempo, permettendo di scegliere tra una vasta gamma di location, catering e altri servizi legati alle feste private, tenendo d’occhio il proprio budget e garantendo sinergia tra i servizi mediante un coordinatore di evento.
Team: Alice Pudda, Giuseppe Basciu, Andrea Pigato, Edoardo Erriu.
 Su Facebook  e su twitter

 

Il Contamination Lab Cagliari è finanziato grazie all’intervento INNOVA.RE – Innovazione in Rete a valere sul Por Fesr 2007-2013.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar