Progetto 1 – Personale politico in Sardegna tra le due guerre

 

it

Personale politico in Sardegna tra le due guerre

Archivio Centrale dello Stato di Roma, fondo Podestà e fondo Partito Nazionale Fascista

 

Direttore della ricerca: prof. Luciano Marrocu
Collaboratori: dott. Giangiacomo Orrù, dott. Cristiana Pipitone

 

prog1_1

Questa sezione ospita le riproduzioni fotografiche dei fondi Podestà e fondo Partito Nazionale Fascista, conservati presso l’Archivio Centrale dello Stato di Roma. Essi si propongono come un valido strumento di consultazione della documentazione disponibile, sia per gli studiosi sia per un’utenza più ampia.

La costituzione delle federazioni, la riforma podestarile, i prefetti fanno parte del progetto di trasformazione dello Stato italiano in senso autoritario, che portò le strutture del partito fascista a sostituire le istituzioni con la loro rigida struttura organizzativa e a porre in essere il processo di “fascistizzazione” della società

 

abbasanta
Fondo Podestà

La riforma podestarile fu un aspetto importante per il rinnovamento del sistema delle autonomie locali all’interno del più ampio disegno di trasformazione dello Stato in senso fascista. Con la legge del febbraio 1926. n. 237 e con la successiva legge del settembre 1926, n. 1910, i sindaci e i consigli comunali vennero sostituiti con i podestà e, per i comuni più grandi, anche con le consulte municipali, entrambi di nomina prefettizia. Venne infranto il sistema elettivo al fine di “eliminare” quella distanza che sino ad allora aveva caratterizzato i rapporti tra centro e periferia, tra locale e nazionale.

La documentazione raccoglie le nomine e gli atti di insediamento dei podestà da parte della Regia Prefettura, la corrispondenza del Prefetto con il Ministero dell’Interno, precisamente con la Generale Amministrazione Civile, Divisione Affari Generali, proposte del prefetto per la nomina di nuovi Podestà, lettere di dimissioni ma anche le relazioni del prefetto sulla situazione generale, nonché esposti anonimi e non, il più delle volte indirizzati a Mussolini. Il fondo Podestà risulta pressoché completo, e ad ogni fascicolo corrisponde un Comune. Alcuni fascicoli sono vuoti e senza alcun documento nonostante siano assegnati ad un Comune.

I documenti conservati ci aiutano a capire il clima politico generale, le tensioni sociali, la particolare situazione economica e politica dell’isola. Essi rappresentano un efficace strumento per penetrare nelle dinamiche e nelle motivazioni più profonde degli avvenimenti.

 

prog1_3

Fondo Partito Nazionale Fascista

Questo fondo è invece incompleto. Manca il fascicolo relativo alla Provincia di Cagliari. La documentazione che presentiamo riguarda le federazioni di Sassari e Nuoro. Il complesso documentario è utilissimo per ricostruire la vita politica, economica e la situazione sociale delle province attraverso le relazioni  mensili del prefetto, le relazioni del federale. Altrettanto importanti sono le numerose missive degli iscritti al partito e la corrispondenza tra il prefetto e il federale.

 

 

 

 

 

en

Political figures in Sardinia between the two wars

Archivio Centrale dello Stato di Roma ‘Podestà’ and Partito Nazionale Fascista (Italian Fascist Party) Archive collections

 

Research coordinator: Prof. Luciano Marrocu

Project Collaborators: Giangiacomo Orrù, Cristiana Pipitone

 

prog1_1
This section hosts reproductions of photographs from the Podestà (directly appointed communal council) and the Partito Nazionale Fascista (Italian Fascist Party) Archive records, held at the Archivio Centrale dello Stato di Roma. They constitute an authoritative source of information and documents available for consultation by researchers as well as the public at large.

The creation of the federations, the podestà reform and the fascist government prefetti (prefects) were part of the design to make the Italian state more authoritarian. The new state structure set up by the Fascist party substituted the previous institutions for the rigid organisational structure that began the process of the ‘fascistization’ of Italian society.

 

abbasanta
Podestà records.

The podestà reforms (the appointment of local councillors and mayors, renamed podestà) were a key aspect in the drive to transform the system of local authorities within the wider scheme to render the State more fascist. Under Law no. 237 of February 1926 and subsequently Law no. 1910 of September 1926, mayors and councillors were replaced by appointed podestà, or in larger communal administrations by Municipal Boards, both appointed by the Prefect. The existing electoral system was side-stepped in order to ‘eliminate’ the distances that had previously existed and had conditioned relations between the central and peripheral areas, between the local and the national.

The documentation includes nominations and the appointment records of podestà officials commanded by the Regia Prefettura (Prefecture Ruling body), written correspondence between the Prefect and Ministero dell’Interno, specifically with the Generale Amministrazione Civile, Divisione Affari Generali. There are in addition documents containing recommendations by the Prefect for the appointments of new Podestà officials, letters of resignation and Prefects’ reports on the general situation, as well letters of appeal, anonymous and signed, usually addressed to Mussolini. The Podestà records are quite comprehensive, with files for each communal administration. Some files are marked with the name of the town, but with no documents inside.

All the records found help us form a picture of the general political climate, the existing social tension and details of the economic and political situation of the island. They provide an effective means to gain an insight into the dynamics and the underlying explanations for events and episodes at the time.

prog1_3
National Fascist Party Records.

These records are incomplete. There is no file relating to the province of Cagliari. The documents we do have concern the federations of Sassari and Nuoro. The whole collection of documents is extremely useful and will enable us to reconstruct the political and economic life and the social situation characterising life in the provinces through the monthly reports of Prefects and federal reports. Of equal importance are the numerous missives from fascist party members and correspondence between prefects and federal authorities.

sn

Personali polìticu in Sardìnnia intra is duas gherras

 

Archivio Centrale dello Stato di Roma, fondo Podestà e fondo Partito Nazionale Fascista

 

Diretori de sa ricerca: prof. Luciano Marrocu
Collaboradoris: dott. Giangiacomo Orrù, dott. Cristiana Pipitone
prog1_1

In custa setzioni s’agatant is fotografias de is fondi Podestà e fondo Partito Nazionale Fascista, allogaus in s’Archivio Centrale dello Stato di Roma. Funt un’aina bona po castiai sa documentatzioni chi ddoi at, siat po is studiadoris, siat po àtiri.

Su cuncordamentu de is federatzionis, s’arreforma po intrai su podestà, is prefetus faint parti de su progetu chi at furriau su Stadu italianu in su Stadu de s’autoritarismu, aundi is struturas cìrdinas de su partidu fascista iant arremprasau is istitutzionis e inghitzau a furriai sa sotziedadi a “fascista”.

 

abbasanta
Fondo Podestà

S’arreforma po intrai su podestà, fiat una chistioni de importu po annoai su sistema de is autonomias de biddas e tzitadis, aìnturu de su programa prus mannu de furriai su Stadu a Stadu fascista. Cun sa lei de su friàrgiu 1926 n. 237 e cun sa lei afatanti de su mesi de cabudanni 1926, n. 1910, is sìndigus e is consillus comunalis ddus iant arremprasaus cun is podestà e, po is prus comunus mannus, finsas cun is consultas municipalis, ambaduus nominaus de su Prefetu. Su sistema de eletzionis dd’iant segau po ndi “bogai de mesu” su brei de insandus aundi su centru fiat tropu atesu de sa periferia e is biddas e tzitadis tropu atesu de su nazionali.

In sa documentatzioni s’agatant is nòminas e is àutus de intrada de is podestà de parti de sa Regia Prefettura, sa currespondèntzia de su Prefetu cun su Ministero dell’Interno, e pròpiu cun sa Generale Amministrazione Civile, Divisione Affari Generali, propostas de su prefetu po sa nòmina de podestà nous, lìteras de dismitiduras ma puru is arrelatas de su prefetu apitzus de sa situatzioni generali, e puru espostus sene nòmini e cun nòmini, s’imprus de intregai a Mussolini. Su fondo Podestà parit pressapagu cumpletu, e a dònnia fascicolo currespundit a unu Comunu. Unus cantu fascicoli funt bòidus e sene documentus mancai currespundant a unu Comunu.

Is documentus allogaus nos’agiudant a cumprendi su bentu polìticu chi fiat tirendi, is tribulias sotzialis, sa situatzioni econòmica e polìtica particulari de s’ìsula e arrepresentant un’aina bona po intrai me is chistionis e me is prus motivatzionis fungudas de su chi fiat sutzedendi.

 

prog1_3
Fondo Partito Nazionale Fascista

Custu fondo po contras no est cumpletu. Amancat su fascicolo de sa Provìntzia de Casteddu. Sa documentatzioni chi presentaus est apitzus de is federatzionis de Tàtari e Nùgoro. Sa documentazioni totaganta nosi serbit meda po cumprendi sa vida polìtica, econòmica e sa chistioni sotziali de is provìntzias castiendi is arrelatas de dònnia mesi de su prefetu, is arrelatas de su federali. Aiciatotu de importu funt is paricis lìteras de is assentaus a su partidu e sa currespondèntzia intra su prefetu e su federali.

 

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar