Programmi

 

LF/0224 - TEORIA DEI GENERI LETTERARI

Anno Accademico ​2018/2019

Docente
MARINA NELLA ​GUGLIELMI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento
ITALIANO​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/42] ​ ​FILOLOGIE E LETTERATURE CLASSICHE E MODERNE [42/00 - Ord. 2008] ​ ​PERCORSO COMUNE630
Obiettivi

Il corso fornisce agli studenti la possibilità di mettere alla prova e dimostrare le proprie conoscenze e abilità basate sulle competenze già acquisite in letteratura e studi umanistici.
In questo corso gli studenti sono introdotti ai più importanti approcci critici alla teoria dei generi letterari.
Gli studenti sono incoraggiati a misurarsi personalmente con i testi della critica, esplorandone forza e debolezze mediante l’applicazione a opere letterarie.
Il corso permette agli studenti di comprendere e discutere la relazione fra i differenti generi letterari.
Gli studenti acquisiranno l’abilità di comunicare le loro supposizioni e di presentare chiaramente il loro lavoro in un saggio scritto e in un discorso orale davanti al pubblico.
Gli studenti acquisiranno le capacità di apprendimento atte sia a studiare in autonomia la Teoria dei generi letterari sia ad applicare la teoria dei generi nell’analisi di romanzi e altri prodotti estetici.

Prerequisiti

Competenze adeguate nella conoscenza della letteratura.

Contenuti


• Di cosa parliamo quando diciamo Generi letterari

Il primo blocco di lezioni (8 ore) è dedicato a introdurre la teoria dei generi letterari: che cosa sono, quando nascono, a cosa servono. A partire dalle competenze già in possesso degli studenti si definiranno i diversi generi letterari e il loro ruolo nella tradizione letteraria occidentale. Una parte introduttiva sarà dedicata in particolare alle diverse forme di romanzo.

• Il romanzo di formazione

Il secondo blocco di lezioni, in forma seminariale (22 ore) è dedicato alla lettura di alcuni romanzi di formazione in base all’approccio di genere. Nato nel Settecento, il romanzo di formazione (Bildungsroman) domina la produzione romanzesca dell’Ottocento e, non senza trasformazioni, prosegue fino a oggi. Da Goethe a Murakami, il romanzo di formazione mette al centro della narrazione l’età della gioventù, dell’esplorazione e delle speranze. L’analisi di cinque romanzi esemplari permetterà di delineare un paradigma utile all’approccio di altri testi affini, siano essi romanzi, graphic novel o serie televisive. È vivamente consigliata la lettura dei romanzi in programma prima dell’inizio del corso.

Metodi Didattici

Le lezioni seguiranno i seguenti argomenti:

• Breve storia dei generi letterari
• Epica e romanzo
• Il romanzo di formazione come romanzo della gioventù
• Goethe, Gli anni di apprendistato di Wilhem Meister
• Jane Austen, Orgoglio e pregiudizio
• Balzac, Le illusioni perdute
• Dickens, Grandi speranze
• Stendhal, Il rosso e il nero
• Il romanzo di formazione oggi fra graphic novel e serie televisive

Verifica dell'apprendimento

Il grado di conoscenza degli argomenti oggetto di trattazione durante le lezioni, la capacità di analizzare i testi, di utilizzare i materiali critici consigliati per costruire una propria interpretazione dei testi (in un elaborato scritto da presentare all’esame), saranno valutati in un colloquio orale;
La capacità di fornire un’interpretazione dei testi analizzati e la comprensione del contesto teorico in cui si inseriscono.
Le attività seminariali permetteranno l’osservazione di:
a) capacità di collaborare con i membri del proprio gruppo durante le attività seminariali,
b) di costruire un piano di lavoro autonomamente,
c) di individuare testi/video di rappresentazione utilizzabili per creare materiale utile per un confronto interdisciplinare dei testi utilizzati.

Nella valutazione complessiva, la partecipazione costruttiva all’80% delle lezioni avrà un peso del 30%, mentre un 30% verrà attribuito alla conoscenza degli argomenti del corso, 30% alla capacità di compiere un’analisi testuale puntuale, 10% all’acquisizione di un linguaggio settoriale preciso ed efficace.
Il pass sarà ottenuto riportando voti da 18 a 30, con una gradazione da sufficiente conoscenza degli argomenti trattati, capacità di applicarli nella costruzione di testi argomentativi, padronanza del linguaggio, anche settoriale (18-23), a buona (da 24 a 26) ad eccellente (da 27 a 30).

La tesina deve essere inviata alla docente via email almeno una settimana prima dell'esame.

Testi

PARTE GENERALE
- Francesco de Cristofaro, Le forme e i generi, in Letterature comparate, a cura di Francesco de Cristofaro, Carocci, pp. 33-79
- Franco Moretti, Il romanzo di formazione, Einaudi
- Massimo Fusillo, Fra epica e romanzo, in Franco Moretti (a cura di), Il romanzo, II. Le Forme, Einaudi, pp. 5-34
OPERE
Una edizione qualsiasi dei seguenti romanzi:
Goethe, Gli anni di apprendistato di Wilhem Meister
Jane Austen, Orgoglio e pregiudizio
Balzac, Le illusioni perdute
Dickens, Grandi speranze
Stendhal, Il rosso e il nero

Una scelta di brevi saggi critici di:
Erich Auerbach, Michail Bachtin, Roland Barthes, Remo Ceserani, Sigmund Freud, Jurij M. Lotman, Thomas Pavel

Gli studenti non frequentanti devono concordare il programma e l’argomento della tesina con la docente almeno due mesi prima dell'esame

Altre Informazioni

Lo studente impossibilitato alla frequenza dovrà concordare il programma d'esame e l'argomento della tesina con il docente almeno due mesi prima dell'esame.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar