Come iscriversi

 

L’immatricolazione al Corso di Laurea Magistrale è subordinata al possesso della Laurea o del Diploma universitario di durata triennale ovvero di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo,  al possesso dei requisiti d’accesso e all’espletamento di un colloquio di verifica dell’adeguatezza della preparazione individuale. Il colloquio è obbligatorio e dà luogo a un esito positivo/negativo. L’esito positivo consente l’immatricolazione al CdL. Tutti i requisiti necessari per l’iscrizione al corso di Laurea Magistrale devono essere acquisiti dallo studente prima dell’immatricolazione (le condizioni per l’iscrizione condizionata ai corsi di laurea magistrale sono definite nell’art. 7 del Regolamento carriere amministrative studenti).

L’iscrizione alla prova di valutazione potrà svolgersi dal giorno 16 luglio 2018 e fino alle ore 13.00 del giorno 27 agosto, esclusivamente on line collegandosi al sito www.unica.it  > pulsante rosso accedi (in alto a destra) oppure direttamente dal sito dei servizi online agli studenti: https://webstudenti.unica.it/esse3 .

Per i corsi di laurea magistrale ad accesso libero la domanda dovrà essere presentata a partire dal giorno 16 luglio 2018 e fino a quattro giorni lavorativi prima della data della prova di verifica.

  • Prova di valutazione: 06 settembre 2018 h. 09:00
  • Sede: via Is Mirrionis, 1 (Loc. Sa Duchessa), edificio centrale piano terra
  • Aule prova: 9 e 10

Come indispensabili requisiti curriculari d’accesso, gli studenti dovranno aver acquisito i seguenti CFU nei seguenti settori scientifico disciplinari:

Tabella 1 – Settori scientifico disciplinari CFU
L-FIL-LET/04 10
L-FIL-LET/10 10
L-FIL-LET/12 5
L-LIN/01 10
M-GGR/01 5

 

Con riferimento all’opzione LM-14 Filologia moderna, sono richiesti, oltre ai CFU indicati nella Tabella 1 di cui sopra, i seguenti CFU:

 

Tabella 2 – Settori scientifico disciplinari CFU
L-FIL-LET/09 5
M-STO/01 5
M-STO/02 5
M-STO/04 5
L-LIN/03 oppure L-LIN/05 oppure L-LIN/10 oppure L-LIN/13 5

 

Con riferimento all’opzione LM-15 Filologia Letteratura e Storia dell’antichità sono richiesti, oltre ai  CFU indicati nella Tabella 1, i seguenti CFU:

 

Tabella 3 – Settori scientifico disciplinari CFU
L-ANT/02 5
L-ANT/03 5
L-ANT/07 5
L-FIL-LET/02 18
L-FIL-LET/04 8
M-STO/01 oppure M-STO/02 oppure M-STO /04 5

 

I curricula dei laureati saranno esaminati e valutati ai fini di deliberare l’ammissione al Corso di studi. I laureati non in possesso di tutti i requisiti curriculari d’accesso dovranno maturare i CFU mancanti prima dell’immatricolazione al corso di laurea magistrale, mediante l’iscrizione a corsi singoli.

 

Descrizione prova

Per la verifica dell’adeguatezza della preparazione individuale si effettuerà un colloquio, nel corso del quale si accerterà la capacità del candidato di affrontare, con buona sicurezza, la discussione di un testo di letteratura italiana e di orientarsi nella comprensione di un testo non complesso in lingua latina (per chi intenda seguire il percorso della LM-15, anche di un testo in lingua greca).

Si valuteranno inoltre le capacità del candidato di confrontarsi criticamente con uno dei saggi letterari (scelto sulla base delle competenze acquisite e dei propri interessi) sottoelencati. Il colloquio è obbligatorio e dà luogo a un esito positivo/negativo. L’esito positivo consente l’immatricolazione al CdL.

Un saggio a scelta dello studente:
E. Auerbach, Origine e analisi dell’interpretazione formale, in Studi su Dante, Milano, Feltrinelli, 1977 (1963), pp. 201- 235.
P. Boitani, Esodi e Odissee, Napoli, Liguori, 2004, pp. 1-33 (Ulisse e le Odissee; L’Ulisse di Joyce).
G.B. Conte, Saggio d’interpretazione dell’Eneide. Ideologia e forme del consenso, in G.B. Conte, Virgilio. Il genere e i suoi confini, Milano, Garzanti, 1984, pp. 55-96.
G. B. Conte – A. Barchiesi, Imitazione e arte allusiva, in Lo spazio
letterario di Roma antica
, I, Roma 1989, pp. 81-114
I. Gualandri, Per una geografia della letteratura latina, in Lo spazio
letterario di Roma antica
, II, Roma 1989, pp. 469-505
G. Susini, Le scritture esposte, in Lo spazio letterario di Roma
antica
, II, Roma 1989, pp. 271-305.
B. Gentili, Poeta-committente-pubblico, ovvero la norma del polipo, in Poesia e pubblico nella Grecia antica. Da Omero al V secolo, Roma-Bari, Laterza, 1953, pp. 165-211.
G. Mastromarco, La paratragodia, il libro, la memoria, in E. Medda, M.S. Mirto, M.P. Pattoni (a cura di), Komodotragodia. Intersezioni del tragico e del comico nel teatro del V sec. a. C., Pisa, Edizioni della Normale, 2006, pp. 137-192.
G. Mazzacurati, L’illusione del parvenu. Introduzione a Mastro Don Gesualdo, in: G. Mazzacurati, Stagioni dell’Apocalisse. Verga, Pirandello, Svevo, Torino, Einaudi, 1998, pp. 37-67; anche in: Verga, Mastro Don Gesualdo, a cura di G. Mazzacurati, Torino Einaudi 1992, pp. XIII-XLII (Introduzione).
F. Moretti, Atlante del romanzo Europeo, Torino, Einaudi, 1996, pp. 3-20.
L. E. Rossi, I generi letterari e le loro leggi scritte e non scritte nelle letterature classiche, “Bull. Inst. Class. St.” 18, 1971, pp. 69-94.
L. Serianni, Le forze in gioco nella storia linguistica, in P. Trifone (a cura di), Lingua e identità. Una storia sociale dell’italiano, nuova edizione, Roma, Carocci, 2009 (prima ediz. 2006), pp. 47-77.
P. Trifone, L’italiano. Lingua e identità, in Pietro Trifone (a cura di), Lingua e identità. Una storia sociale dell’italiano, nuova edizione, Roma, Carocci, 2009 (prima ediz. 2006), pp. 15-45.
credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar