Insegnamenti

 

LF/0065 - ANTROPOLOGIA CULTURALE

Anno Accademico ​2018/2019

Docente
FELICE ​TIRAGALLO (Tit.)
Periodo
Primo Semestre​
Modalità d'Erogazione
Convenzionale​
Lingua Insegnamento
ITALIANO​



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[20/39] ​ ​FILOSOFIA [39/00 - Ord. 2013] ​ ​PERCORSO COMUNE630
[20/45] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO [45/50 - Ord. 2016] ​ ​BENI CULTURALI E SPETTACOLO CONVENZIONALE630
Obiettivi

MODULO A (Prof. F. Tiragallo)
1) Conoscere le nozioni antropologiche di cultura, etnocentrismo e relativismo culturale attraverso lo studio delle definizioni e del dibattito critico ad esse relativo.
2) Conoscere nelle linee dominanti la storia della teoria della disciplina dal XIX secolo ad oggi attraverso i dibattiti sui principali temi di studio e l'analisi di diverse ricerche di campo (etnografia).
3) Saper impiegare nei modi generali i metodi di indagine antropologica nello studio di specifici contesti socio-politici e nella comprensione di problemi di etnicità.
4) Essere coscienti interpreti di situazioni di differenza culturale, in riferimento a fenomeni di migrazione, di spopolamento, di valorizzazione di patrimoni culturali locali.
5) Saper valutare il ruolo del mutamento sociale e delle costruzioni di identità in differenti contingenze culturali


MODULO B (Prof.ssa T. Cossu)

Gli studenti devono dimostrare di possedere le seguenti conoscenze, abilità e capacità:
1) Conoscenza e capacità di comprensione.
Conoscere i processi di costruzione socio-culturale della corporeità, la variabilità e complessità delle concezioni di salute, benessere, sofferenza e malattia;
conoscere i principali studi antropologici relativi alle tematiche della salute e della malattia.
2) Capacità di applicare conoscenza e comprensione.
Essere in grado di riflettere sulle relazioni fra potere, discriminazioni, disuguaglianza, forme di sofferenza e processi di salute-malattia;
saper effettuare analisi e sintesi delle problematiche socio-culturali relative ai temi esaminati utilizzando gli strumenti concettuali della disciplina antropologica;
saper argomentare le proprie scelte sul tema da approfondire per l’esame.
3) Autonomia di giudizio.
Sviluppare una consapevolezza riflessiva sui temi affrontati.
4) Abilità comunicative.
Essere in grado di utilizzare il lessico specialistico di base delle discipline antropologiche e di saper comunicare e discutere in modo efficace sulle tematiche affrontate.
5) Capacità di apprendimento.
Essere in grado di utilizzare le conoscenze e le metodologie antropologiche di base nell’analisi di aspetti socio-culturali dell’esperienza umana.


Prerequisiti

Buona conoscenza di base di storia e geografia. Conoscenza di elementi basici della storia del colonialismo e della società culturale europea fra '800 e '900. Interesse e attitudine alla comprensione delle dinamiche sociali e alla diversità culturale.

Contenuti


Culture in polvere. Antropologia e contemporaneità
Gli scopi conoscitivi dell’antropologia e i suoi confini.
Gli oggetti dell’antropologia: la cultura come un tutto; la parentela; l’economia, l’ambiente, l’ecologia; la sfera religiosa; l’organizzazione politica; la ritualità e la performance.
I metodi delle discipline demoetnoantropologiche.
Le logiche del mutamento sociale.
Riflessività e costruzioni di identità.
La materia e l'immaginario nella vita sociale.
I beni culturali e i processi di patrimonializzazione.

Metodi Didattici

Lezioni frontali in aula, slides, filmati, attività seminarali valutabili per l'esame finale. Verifiche a fine lezione del grado di comprensione; discussioni periodiche sui temi presentati.

Verifica dell'apprendimento

Esame orale.Lo studente deve dimostrare:
- conoscenza dei principali temi del corso, indicati alla voce “Contenuti”, e dei testi adottati;
- capacità di impostare un discorso ordinato che sappia collegare varie tematiche;
- capacità di analisi critica e metodologica.
Caratteri valutativi della prova orale: padronanza espressiva, anche con riferimento al linguaggio di della disciplina, capacità di inquadramento dell’argomento anche in senso cronologico e geografico, capacità di elaborazione critica dei concetti, utilizzo di una terminologia appropriata.
Le modalità di esame saranno le stesse sia per gli studenti frequentanti che per quelli non frequentanti.
Il voto verrà attribuito sulla base del livello di apprendimento riscontrato in ognuno dei singoli ambiti di analisi e sulla capacità di usare il linguaggio specialistico adeguato Per superare l’esame, riportando quindi un voto non inferiore a 18/30, lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito una conoscenza sufficiente degli argomenti relativi alle nozioni di base della disciplina e di essere in grado di applicare a casi concreti le nozioni teoriche.
Per conseguire un punteggio pari a 30/30 e lode, lo studente dovrà invece dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso e di quelli presenti nella bibliografia di riferimento e di essere in grado di applicare in maniera corretta le nozioni teoriche a casi concreti, utilizzando con precisione il linguaggio tecnico della disciplina.

Testi

1) E. A. Schultz, R. H. Lavenda, Antropologia culturale, Zanichelli, Bologna, 2010 (sono accettae edizioni anteriori).
2) Un volume scelto fra i seguenti:
- M. Augé, L'antropologo e il mondo globale, Roma, Carocci, 2013.
- P. Clastres, Le società contro lo stato, Feltrinelli, Milano, 1984 e successive edizioni.
- V. Crapanzano, Tuhami. Ritratto di un uomo del Marocco, Roma, Meltemi, 1995.
- U. Fabietti, L'identità etnica. Storia e critica di un concetto equivoco, Roma, Carocci, 2013.

Altre Informazioni

Al termine delle lezioni del corso nel sito del docente sarà resa disponibile per i frequentanti una sintesi delle slides utilizzate.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar