Insegnamenti

 
Seleziona l'Anno Accademico:    2012/20132013/20142014/20152015/20162016/20172017/2018

60/56/73 - METODOLOGIE FARMACOLOGICHE CON ESERCITAZIONI

Anno Accademico 2017/2018

Docente
ENRICO SANNA (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

CorsoPercorsoCFUDurata(h)
[60/56]  BIOTECNOLOGIE INDUSTRIALI [60/56-00 - Ord. 2014]  PERCORSO COMUNE656
Obiettivi

Il corso di propone di fornire le conoscenze fondamentali della farmacologia generale e le più recenti acquisizioni sul meccanismo molecolare e cellulare alla base dell’azione di diverse classi di farmaci. Verranno illustrati inoltre alcuni aspetti teorici e metodologici relativi all’applicazione delle biotecnologie alla farmacologia, includendo la produzione di farmaci ricombinanti, gli inibitori del codice genetico e i principi di terapia genica.
Al termine del corso, lo studente dovrà possedere le nozioni fondamentali circa il meccanismo molecolare e cellulare dei diversi farmaci utili per la comprensione dei loro effetti farmacologici sull’organismo. Acquisirà una conoscenza sufficiente per la comprensione delle potenzialità dell’applicazione delle biotecnologie per lo sviluppo e produzione di nuovi farmaci. Sarà inoltre in grado di effettuare in laboratorio dei saggi “in vitro” per l’analisi quantitativa e qualitativa dell’azione recettoriale e cellulare di alcune classi di farmaci.
Il corso prevede di stimolare il lavoro sia autonomo, nel corso delle lezioni teoriche, sia di gruppo, durante l’attività di laboratorio.

Prerequisiti

Si suggerisce il superamento degli esami di Biochimica, Biologia Moleculare e Fisiologia Cellulare.

Contenuti

Lezioni teoriche (32 ore, 4 CFU)
- Principi di Farmacodinamica. Concetto di farmaco. Concetto di recettore per il farmaco e proprietà. Teoria dell’interazione farmaco-recettore. Il binding recettoriale, costante di dissociazione (KD), curve di saturazione e trasformazione lineare di Scatchard. Relazione dose-risposta, potenza ed efficacia. Agonisti completi, parziali e inversi. Antagonisti competitivi e non-competitivi. Indice terapeutico. Meccanismi di plasticità dei recettori di membrana. Concetto di desensibilizzazione, down-regulation, tolleranza, e tachifilassi. (4 ore)
- Principi di Farmacocinetica. Assorbimento dei farmaci. Vie di somministrazione. Biodisponibilità, effetto di primo passaggio. Distribuzione dei farmaci e modelli di cinetica e termodinamica di distribuzione. Sistemi di biotrasformazione ed eliminazione dei farmaci. (2 ore)
- I recettori dei farmaci. Generalità. I recettori ionotropici accoppiati a canali ionici. I recettori accoppiati a proteine G. Adenilato ciclasi e cAMP/PKA. Fosolipasi C e Ca2+/PKC. Recettori per i fattori di crescita. Via Ras-dipendente e Ras-indipendente. La MAP kinasi. L’insulina e il diabete. Produzione di insulina ricombinante. Recettori per le citochine. Alfa-interferone e eritropoietina. I recettori intracellulari per gli ormoni e vitamine. Gli steroidi anabolizzanti e androgeni. (6 ore)
- Principi di Farmacologia cellulare. Meccanismi di eccitazione, secrezione e contrazione. Il ruolo dello ione calcio come messaggero intrallulare. Farmacologia dei canali ionici voltaggio-dipendenti. Gli anestetici locali. (6 ore)
- Farmacologia del sistema nervoso autonomo. Farmacologia del sistema colinergico. Farmacologia del sistema adrenergico. (8 ore)
- La farmacologia del sistema cardio-circolatorio. I farmaci calcio-antagonisti. Il sistema renina-angiotensina: ACE-inibitori e antagonisti dei recettori per l’ATII. (4)
- La cascata dell’acido arachidonico e i farmaci antinfiammatori non-steroidei. (2)
Attività di laboratorio (24 ore, 2 CFU)
- Il binding recettoriale. Preparazione dei sinaptosomi dal cervello di ratto mediante gradiente discontinuo di saccarosio. Il binding recettoriale. Analisi dei dati e costruzione del grafico di saturazione e trasformata di Scatchard.
- La determinazione delle proteine (dal preparato di sinaptosomi di ratto) mediante metodo di Lowry.
Espressione di recettori GABAA ricombinanti umani in oociti di Xenopus laevis. Isolamento degli oociti di Xenopus, trattamento con collagenasi, e inoculazione di cDNA codificante per le subunità del recettore GABAA umano. Il metodo elettrofisiologico del voltage-clamp per la registrazione della funzione dei recettori espressi in oociti di Xenopus, e studio degli effetti di diversi farmaci che agiscono sul recettore GABAA (benzodiazepine, barbiturici, anestetici generali, convulsivanti).

Metodi Didattici

Il corso si articola in 32 ore (4 CFU) di lezioni teoriche e 24 ore (2 CFU) di attività di laboratorio. Le lezioni frontali, di 2 ore ciascuna, verranno svolte con l’utilizzo di presentazioni in PowerPoint. L’attività di laboratorio è suddivisa in esercitazioni di 4 ore ciascuna e viene svolta nel laboratorio di esercitazioni di biologia.

Verifica dell'apprendimento

L’esame è in forma di colloquio orale ed è teso a verificare il grado di apprendimento con domande relative alle diverse parti del programma: principi di farmacodinamica e farmacocinetica; farmacologia molecolare; farmacologia del sistema nervoso autonomo; biotecnologie farmacologiche; metodologie di laboratorio.
CRITERI DI VALUTAZIONE
Giudizio finale
Il voto finale tiene conto di vari fattori:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e/o manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
d) Capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
e) Capacità di sintesi anche mediante l’uso del simbolismo proprio della materia e l’espressione grafica di nozioni e concetti, sotto forma per esempio di formule, schemi, equazioni.
Qualità relazionali:
Disponibilità allo scambio e all’interazione con il docente durante il colloquio.
Qualità personali:
a) spirito critico;
b) capacità di autovalutazione.

Di conseguenza, il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune. capacità espressive modeste, ma comunque sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piuttosto stentata; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e capacità di espressione grafica accettabile.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

- Goodman & Gilman. Le basi farmacologiche della terapia. Il manuale. II Ed., Zanichelli
- Golan et al., Principi di farmacologia, II Ed., Casa Editrice Ambrosiana
- Rossi, Cuomo & Riccardi, Farmacologia, II Ed., Edizioni Minerva Medica
- Rang et al., Farmacologia, VI Ed., Masson

Altre Informazioni

Il docente fornirà di volta in volta testi integrativi e/o pubblicazioni scientifiche aggiornate sull’argomento della lezione. Saranno fornite, eventualmente, copie delle presentazioni PowerPoint utilizzate per le lezioni. Verranno inoltre forniti esempi di test scritti con la traccia della risposta corretta.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar