Pianificazione Territoriale – Regional Planning

 

Materiali della prima parte del Corso – Readings related to the first part of the Course Link

Descrizione generale del Corso di Pianificazione ambientale

Anno accademico: 2017-2018

Docente: Corrado Zoppi

Tutor: Maddalena Floris

Insegnamento da impartire nel: II Semestre, II anno, del Corso di Laurea Magsitrale di Sustainable tourism management and monitoring

Crediti: 6

Obiettivi e contenuto schematico del corso

Il corso si propone di definire, in termini problematici e critici la questione dell’integrazione delle tematiche inerenti lo sviluppo sostenibile nella prassi della pianificazione del territorio; a questo scopo, vengono presentate e discusse la teoria e la prassi relative alla Valutazione Ambientale Strategica (VAS).

Nel Corso si discuterà il processo di definizione, gestione ed attuazione di politiche di organizzazione dell’assetto del territorio orientate ai principi dello sviluppo sostenibile, secondo il quadro concettuale definito dalla Direttiva 2001/42/CE e della II Parte, Titoli I e II, del D.Lgs. 152/2006, in maniera incrementale, attraverso il continuo e progressivo coinvolgimento, in termini qualitativi e quantitativi, delle comunità locali, e con una paziente ricerca di contatto e cooperazione tra sapere tecnico e sapere comune.

La complessità delle problematiche indica la necessità dell’assunzione di un punto di vista particolare e non universale per la definizione e lo sviluppo di casi applicativi di definizione di indicatori per la valutazione della sostenibilità di processi di pianificazione territoriale, e di individuare, dove possibile, un’adeguata approssimazione di processi incrementali e partecipati, visto che tali processi non sono previsti esplicitamente dalla legislazione urbanistica e che prassi di questo genere non sono all’ordine del giorno nella pianificazione del territorio italiana.

La VAS è, già da tempo, una procedura, o, forse meglio, un orizzonte concettuale, molto importante per le valutazioni ex ante, in itinere ed ex post della definizione, gestione ed attuazione delle politiche del territorio.  Di particolare rilievo, metodologico e pratico, è il “rapporto ambientale”, definito ai sensi dell’art. 5 della Direttiva 2001/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sulla VAS, concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente.

La VAS è stata recepita, con significativo ritardo, nella Legislazione ordinaria italiana con il D.Lgs. n. 152/2006.

La VAS rappresenta, sostanzialmente, una risposta articolata, complessa e qualificata, alle esigenze che si riconoscono nella riflessione corrente sulle problematiche dello sviluppo sostenibile in rapporto alla valutazione delle ricadute territoriali delle politiche di investimento pubblico.

Momenti qualificanti e fondamentali della VAS sono la definizione degli obiettivi del processo di piano, e la scelta, fondata su criteri ordinati e riferiti agli obiettivi, tra strategie alternative di piano (alternative options). Un approccio concettualmente e metodologicamente fondato alla VAS implica conoscenza e familiarità con le problematiche e le tecniche valutative.

Al termine del corso gli studenti:

  1. conosceranno i principali riferimenti e metodologie per trattare l’inserimento delle tematiche inerenti la pianificazione urbana e di area vasta nei processi di VAS;
  2. saranno in grado di trattare le questioni problematiche e critiche che tale inserimento comporta in termini di valutazione ambientale;
  3. avranno analizzato criticamente alcuni casi di studio significativi ed emblematici relativi a tentativi qualificati di integrazione delle tematiche della VAS nella pianificazione urbana e di area vasta;

Esercitazione

Gli studenti, in gruppi di due o tre, svolgeranno un’esercitazione articolata come segue.

Ciascun gruppo redige una relazione dettagliata sulla procedura di VAS relativa ad un piano/programma che gli viene assegnato dal docente. La relazione deve essere realizzata nella forma di una presentazione al computer proiettata e commentata in Aula. Le presentazioni verranno discusse in aula con il docente o il tutor il giorno Giugno, dalle 18 alle 20.

Il gruppo che non presenti, nella data stabilita, la propria relazione, riceve una valutazione pari a 0 (zero) per la relazione e, di conseguenza, può raggiungere, nella valutazione complessiva dell’esame, al massimo il voto 21 (ventuno). Si pone in evidenza come sarebbe molto difficile risultare idonei all’esame in queste condizioni.

Programma del corso

Il corso è articolato, per argomenti generali, come segue:

  1. Discussione sulle tematiche relative alla valutazione dell’impatto di piani e progetti. La Valutazione di impatto ambientale (VIA): il quadro legislativo europeo ed italiano. Discussione sulla Direttiva 2001/42/CE e sul suo recepimento nella legislazione italiana e sarda.
  2. Impostazione del quadro logico per la VAS dei Piani urbanistici comunali dei Comuni della Sardegna (PUC).
  3. Discussione di alcuni casi di studio relativi alla VAS.
  4. Esercitazione, articolata come descritto sopra.

Materiale didattico e bibliografia

I seguenti riferimenti bibliografici sono articolati con riferimento ai punti elencati in chiusura del paragrafo precedente.

Punto 1

Direttive: 85/337/CEE, 97/11 CEE; D.Lgs. 152/2006 (testo coordinato) disponibili su Internet a molteplici indirizzi.

Direttiva 2001/42/CE (disponibile su Internet a molteplici indirizzi).

Attuazione della Direttiva 2001/42/CE concernente la valutazione dell’impatto di determinati piani e programmi sull’ambiente (disponibile su Internet all’indirizzo http://ec.europa.eu/environment/archives/eia/pdf/030923_sea_guidance_it.pdf).

Delibera della Giunta Regionale (DGR) della RAS n. 34/33 del 23 Aprile 2008 recante “Direttive per lo svolgimento delle procedure di valutazione ambientale” e relativi allegati, documenti disponibili su Internet all’indirizzo http://www.regione.sardegna.it/j/v/66?v=9&c=27&c1=&n=10&s=1&mese=201208&p=3.

Linee Guida per la Valutazione ambientale strategica dei Piani urbanistici comunali (DGR 44/51 del 14 Dicembre 2010, disponibile su Internet all’indirizzo http://www.sardegnaambiente.it/documenti/18_269_20110203150553.pdf).

Punto 2

Il quadro logico della VAS dei PUC: materiali messi a disposizione durante le lezioni.

Punto 3

Casi di studio tratti dal libro, curato da Corrado Zoppi, dal titolo “Valutazione e pianificazione delle trasformazioni territoriali nei processi di governance ed e-governance” (FrancoAngeli, 2012).

Punto 4

Ciascun gruppo riceve dal docente la documentazione per svolgere la relazione secondo quanto descritto sopra.

Inoltre, gli studenti devono scaricare:

  • dal sito Internet della RAS (http://www.regione.sardegna.it/documenti/1_85_20060531162844.zip) i “rapporti d’area suddivisi per province”;
  • dal sito Internet della Provincia di Cagliari (http://www.provincia.cagliari.it/ProvinciaCa/it/contentview.page?contentId=CNG9019), la documentazione relativa al Piano urbanistico provinciale/ Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Cagliari;
  • dal sito Internet della Regione Autonoma della Sardegna, (http://www.sardegnaterritorio.it/paesaggio/pianopaesaggistico2006.html) la documentazione relativa al Piano paesaggistico regionale.

Esame

L’esame si consiste in un colloquio in cui ciascuno studente discuterà quanto prodotto nella seconda fase dell’esercitazione e quanto proposto durante le lezioni relative ai punti 1, 2, 3 e 4 del programma del corso;

Il voto finale sarà attribuito attraverso la valutazione:

  • dell’apporto individuale al lavoro di gruppo,
  • della frequenza,
  • dell’efficacia della rappresentazione grafica e testuale,
  • della capacità di esposizione degli argomenti.

Recapiti

Corrado Zoppi: tel.: 070 6755213; 070 42695 (telefonare tra le 15.30 e le 16.00); e-mail: zoppi@unica.it

Maddalena Floris: tel.: 070 6755213; e-mail: maddalenafloris@tiscali.it

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar