Curriculum

 

it

Aggiornato a Marzo 2019

Annalisa Vacca, laureata in Ingegneria Chimica e dottore di ricerca in Ingegneria Industriale, è professore associato nel settore scientifico-disciplinare CHIM/07. Svolge la sua attività didattica e di ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali dell’Università di Cagliari. Dal 2006 è titolare del corso di Chimica al I anno per la Facoltà di Ingegneria.

Le attività di ricerca sono incentrate nel settore della ingegneria elettrochimica; in particolare gli studi riguardano sia aspetti fondamentali quali l’attività catalitica dei materiali elettrodici e l’individuazione dei meccanismi di reazione, sia aspetti applicativi quali la progettazione e caratterizzazione dei reattori elettrochimici.

Le principali applicazioni hanno finora interessato gli ambiti del risanamento ambientale e della conversione dell’energia.

Per quel che riguarda gli aspetti del risanamento ambientale sono stati studiati processi di rimozione di inquinanti organici tossici sia da acque reflue industriali sia da acque naturali. Sono stati testati  differenti tipi di materiali elettrodici con l’obiettivo di individuare, in relazione al tipo di inquinante e alla natura del materiale selezionato, i meccanismi di reazione coinvolti nel processo di rimozione. Utilizzando tecniche elettrochimiche quali voltammetrie e spettroscopie di impedenza è stato possibile analizzare i fenomeni che avvengono all’interfase elettrodo/soluzione.

Gli studi sulla rimozione degli inquinanti organici sono stati effettuati analizzando il comportamento di diversi materiali utilizzabili come elettrodi: inizialmente l’attenzione è stata rivolta verso elettrodi commerciali, a base di Ti/RuO2-IrO2, comunemente utilizzati come anodi negli impianti cloro-soda. La ricerca ha riguardato l’ossidazione del fenolo e dei suoi derivati clorurati, assunti come composti modello di sostanze tossiche verso gran parte dei microrganismi, anche in presenza di un substrato organico biodegradabile (glucosio ed acido aspartico).

Nello studio sono stati esaminati anche scarichi reali dei frantoi oleari che sono particolarmente ricche di fenoli e caratterizzate da un alto carico organico. Sia su soluzioni sintetiche che reali è stata constatata la riduzione della tossicità del refluo, suggerendo il possibile uso della tecnologia come pre-trattamento in un processo elettrochimico-biologico combinato. Con obiettivi analoghi ai precedenti, sono stati sperimentati elettrodi a base di diamante drogato al boro sui quali, per ossidazione dell’acqua, si ha la formazione di radicali OH debolmente adsorbiti che rendono il processo di ossidazione degli inquinanti organici in una sottile zona adiacente all’anodo rapido ed efficacie. E’ stata inizialmente studiata la degradazione ossidativa del fenolo, assunto come molecola modello di vari composti organici identificando i vari intermedi di reazione (idrochinone, benzochinone, acidi alifatici a basso peso molecolare) e sono stati valutati i valori del rendimento faradico e il grado di mineralizzazione sotto varie condizioni operative. Lo studio è stato poi esteso all’ossidazione su anodi di BDD di altri composti organici sia in soluzioni mono che multicomponente. L’efficacia del processo è stata anche testata su differenti classi di pesticidi sia triazinici che feniluree. E’ stata inoltre studiata l’applicazione dei metodi elettrochimici per la purificazione delle acque naturali, nelle quali gli inquinanti sono spesso presenti in concentrazioni molto basse. In particolare sono state sottoposte a purificazione acque contenenti tipici inquinanti da industria petrolchimica quali metil tret-butil estere (MTBE) e composti aromatici tipici quali benzene, toluene, etilbenzene e xileni (BTEX). In questo tipo di rimozione, oltre all’importanza del materiale elettrodico, è di fondamentale rilevanza la progettazione e caratterizzazione idrodinamica del reattore elettrochimico che consente di ottenere elevati coefficienti di trasferimento di materia necessari per l’abbattimento di inquinanti in tracce. Lo studio sperimentale è stato quindi affiancato alla modellazione matematica di reattori elettrochimici appositamente progettati in modo da  condurre proficuamente il trattamento anche nel caso di inquinanti in tracce.

Nell’ottica della applicazione di questi processi su scala reale, sono stati effettuatati anche studi sulla stabilità e tempo di vita dei materiali elettrodici non commerciali, consentendo di stabilire come e in quale misura eventuali variazioni strutturali indotte dal tempo di lavoro si ripercuotono sull’attività catalitica del materiale.

Attualmente su reattori elettrochimici con configurazione flow-by e flow-through si stanno testando rimozioni di microalghe sia da acque naturali che da acque marine. Il trattamento delle acque ad alta salinità potrebbe essere utile per applicare i reattori elettrochimici alle acque di sentina, consentendo di controllare efficacemente gli scarichi in mare delle navi di specie non indigene che rappresentano una minaccia alla salvaguardia della biodiversità costiera.

La ricerca nell’ambito della conversione dell’energia ha riguardato principalmente lo studio di elettrocatalizzatori efficaci sia per effettuare l’elettrolisi dell’acqua per l’ottenimento dell’idrogeno,  sia per l’utilizzo dell’idrogeno per la produzione di energia in celle a combustibile. Sono stati studiati diversi materiali catalitici verso la reazione redox dell’ossigeno, che rappresenta lo stadio limitante per entrambi i processi: per elettrolisi acide sono stati testati elettrodi a base di ossidi misti di iridio, stagno e titanio mentre per elettrolisi alcaline spinelli a base di cobaltiti e ferriti. Nel campo delle applicazioni alle fuel cells, lo studio riguarda la preparazione di catalizzatori che siano tolleranti al CO utilizzando Ru, Sn, Co e Fe combinati al Pt.

L’attenzione è stata quindi rivolta al foto-elettro-splitting dell’acqua:  la tecnica combina il processo di elettrolisi con quello di fotocatalisi per l’ottenimento dell’idrogeno utilizzando la radiazione solare a bassa temperatura. La ricerca riguarda la preparazione e caratterizzazione di elettrodi a base biossido di titanio sia in forma di polveri nanometriche che di strutture nanotubolari accresciute per via elettrochimica che presentano elevatissimo sviluppo superficiale ed elevate capacità fotoelettrocatalitiche.

Attualmente sono in fase di studio tecniche di modifica della superficie nanotubolare di biossido di titanio con composti organici che rendano gli elettrodi più efficaci nello sfruttare la parte di radiazione solare nel visibile. A tale scopo è stata utilizzata la reazione elettrochimica di riduzione di sali di benzendiazonio che consente un ancoraggio stabile, di tipo covalente, alla superficie della titania. Una volta legato l’anello benzenico al semiconduttore, si può sfruttare un opportuno sostituente per legare chimicamente il sensitizzante organico; con questa tecnica è  stato possibile legare agli elettrodi di TiO2 nanotubolare la cumarina-343 che migliora notevolmente le prestazioni foto elettrochimiche del materiale di partenza.

In modo analogo si stanno anche studiano le possibili modifiche di elettrodi d’oro e a base di silicio poroso mediante elettroriduzione del nitrobenzendiazonio; tale tecnica potrebbe essere impiegata come alternativa al self assembling monolayer ampiamente utilizzato per la preparazione di sensori. Sono stati preparati e caratterizzati una serie di elettrodi d’oro ottenendo delle etero-strutture stabili in grado di legare differenti composti organici, quali linker aldeidici o polianilina, adatti al successivo utilizzo come parte sensibile in un sensore biochimico.

I risultati del lavoro di ricerca sono stati oggetto di pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali e sono stati presentati ai principali congressi internazionali di Ingegneria Chimica ed Elettrochimica.

La sua attività di ricerca è documentata da 66 lavori pubblicati su riviste internazionali, 21 pubblicazioni su atti di conferenza con ISBN, un capitolo di libro e oltre 100 contributi a congressi nazionali ed internazionali.

DATI BIBLIOMETRICI (SCOPUS 2002-Giugno 2018):

Articoli scientifici indicizzati: 68.

Citazioni: 1442;

H-index 20.

en

Annalisa Vacca, graduate in Chemical Engineering and PhD in Industrial Engineering, got the associate professor position in the field of “Fundamentals of chemical technology” (SSD CHIM/07). She carries out didactic and scientific activity at the Department of Mechanical, Chemical and Materials Engineering (University of Cagliari). From 2006, she is teacher of the course of General Chemistry at the first level degree for the Faculty of Engineering.
The research activities are focused in the field of electrochemical engineering applied to the study of processes for environmental remediation and energy conversion. In particular, the study covers both key aspects such as the catalytic activity of electrode materials and the identification of reaction mechanisms, both practical aspects such as design and characterization of electrochemical reactors.
With regard to the environmental remediation, processes for removal of toxic organic pollutants from industrial wastewater and from natural waters have been studied. Different electrodic materials have been tested in order to identify the reaction mechanisms involved in the removal process, depending on the chemistry of pollutant and on the nature of the selected anodic material.
Techniques such as voltammetry and electrochemical impedance spectroscopy have been used to analyze the phenomena that occur at the interphase electrode / solution.
Different electrode materials have been tested for the pollutants removal: commercial Ti/RuO2-IrO2 anodes, usually adopted in chlor-alkali process, have been tested for oxidation of phenol and chlorophenol compounds, which were selected as a model of toxic and biorefractory compounds.
The removal of phenolic compounds has been tested also in presence of biodegradable organic substrate such as glucose and aspartic acid. The study was extended to olive oil mill wastewaters which present an high fenolic fraction together with a very high organic load. These studies have shown that the electrochemical treatment reduce the toxicity of the wastewater and it could be used as pretreatment in a combined electrochemical-biological process. Similarly, also boron doped diamond electrodes have been tested: these anodes allow to a fast oxidation of organics pollutants, thanks to the formation of weakly adsorbed OH radicals form water oxidation. Several compounds have been removed with BDD anode form aqueous solutions up to their mineralization; among the others phenols and pesticides. Also waters polluted by MTBE and BTEX at very low concentrations have been successfully treated: in this case a suitable design of the electrochemical reactor and its hydrodynamic characterization have been studied. The development of mathematical models of the electrochemical reactors had allowed to optimize the process for the removal of pollutant in traces.
Using different electrochemical reactors such as flow-by and flow-through configuration bacteria and microalgae have been removed from natural and sea waters.
In view of the application of these processes on the real-scale, studies on the stability and lifetime of electrode materials have been also carried out; these studies allowed to determine in what extent and how the structural changes induced by high lifetime affect the catalytic activity of the material.
The second topic on environmental applications of her research concerns the heavy metal pollutions of soils: in particular the interactions between the pollutants (Pb+2, Zn+2 e Cd+2 ) and the solid matrix of the soils has been studied and a mathematical model of the process has been proposed in order to predict the diffusion of the heavy metal ions in the environment and to better understand which remediation process is more suitable. Tests of electrokinetic remediation of clayey soil has been also performed and a model of the overall process, which take into account for the effect of the electric field on pH gradient and heavy metal concentrations across the soil specimen, has been elaborated. Electrokinetic remediation of soils has been also applied to organic pollutants.

The research on energy conversion have focused mainly on the study of electrocatalysts both effective for the hydrogen production by water electrolysis, both for the use of hydrogen for energy production in cells fuel. Since the redox reaction of oxygen represents the limiting step for both processes, different catalytic materials towards this reaction have been studied: electrodes based on mixed oxides of iridium, tin and titanium were tested for electrolysis in acidic medium whereas spinels containing cobalt oxide and ferrites were studied in alkaline solutions.
In the field of applications to fuel cells, the study has been directed to the preparation of catalysts which are tolerant to CO by using Ru, Sn, Co and Fe combined with Pt.
Attention was then turned to the photo-electro water splitting: this technique combines the process of electrolysis with the photocatalysis in order to obtain hydrogen exploiting the solar radiation. The research involves the preparation and characterization of electrodes based on titanium dioxide both in nanopowder and in nanotubes forms, which present very high surface and high photo-electrochemical capability. Currently, modification of the nanotubular surface with organic sensitizer are under investigation, with the aim to improve the harvest of the visible light. The grafting of organic on titania nanotubes have been performed by the electroreduction of diazonium salts, which allows to a covalent and very stable link. With this technique, TiO2 has been functionalized by cumarin-343 and polyaniline obtaining improvements of the electrode performances. Analogously, hybrid electrodes have been obtained for sensing application modifying gold and porous silicon with oligonucleotides chains and conducting polymers respectively.
Another research interest is the electrodeposition of refractory metals such as niobium, tantalum and zirconium using ionic liquids as solvents: multilayer of these metals can be used for the control of the radiations in nuclear reactors. In particular Nb/Cu and Ta/Cu have been prepared and characterized.

The research activities are documented by 66  papers published in international peer-reviewed scientific journals and by more than 100 contribution at national and international congresses. Bibliometrics (SCOPUS 2002-June 2018):

Scientific papers: 68;

Total citations: 1442;

H-index 20.

credits unica.it | accessibilità Università degli Studi di Cagliari
C.F.: 80019600925 - P.I.: 00443370929
note legali | privacy

Nascondi la toolbar